“Un mese fa i Bitcoin erano scambiati a 61,43 dollari su Mt.Gox. Sono in molti a sollevare perplessità.”

Storia dell’articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 02 aprile 2013 alle ore 13:03.

I Bitcoin nel weekend hanno superato la soglia di 100 dollari nella media di scambi rilevati da Mt.Gox: su internet è il principale luogo di contrattazione della moneta digitale anonima e decentralizzata. Aumentano allo stesso tempo i timori di una bolla. Quello che fino a poco tempo fa era un tema per nicchie di appassionati in poco tempo si è trasformato in un argomento di discussione sul web anche grazie al passaparola nei social media. Ma finora è piuttosto limitata la loro diffusione per acquisti.

I dubbi

Un mese fa i Bitcoin erano scambiati a 61,43 dollari su Mt.Gox. Sono in molti a sollevare perplessità. Henry Blodget ha accumulato e perso una fortuna durante la bolla finanziaria della new economy all’inizio degli anni Duemila: in un suo intervento ricorda alcuni motivi di scetticismo. Osserva che i Bitcoin potrebbero restare lontani un vasto pubblico disposto ad adoperarli nelle transazioni per comprare beni e servizi. Inoltre, aggiunge Blodget, è una moneta digitale esposta ai rischi di attacchi informatici che possono rendere irraggiungibili i luoghi di contrattazione sul web oppure causare furti, come è accaduto di recente. I pirati informatici hanno colpito inoltre Dwolla, un borsellino digitale per acquistare anche Bitcoin.

Il gruppo che a quanto sembra ha creato il conio digitale con il nome collettivo di Satoshi Nakamoto, conservandone una cospicua quota, potrebbe decidere di aumentarne la quantità: al momento i Bitcoin in circolazione sono 10,98 milioni, saranno emessi gradualmente e arriveranno a 21 milioni entro il 2140. Blodget ricorda altri rapidi declini sulle piazze finanziarie e si chiede quanto sia distante la bolla.

I rischi di speculazione

Gli utenti del web sono incuriositi. Alcune community come Reddit hanno incluso i Bitcoin tra le opzioni di pagamento. La piazza di Mt.Gox ha stretto un accordo con la startup CoinLab per facilitare le operazioni dal Nordamerica: il fatturato del principale mercato di contrattazione dei Bitcoin secondo The Verge è stimato in circa 60mila dollari, a partire dal volume corrente di transazioni. Il Financial Crimes Enforcement Network del Department of the Treasury degli Usa vuole vederci chiaro e ha esteso le regolamentazioni anti-riciclaggio anche alle monete digitali.

Commenta la notizia

Permalink

Rispondi