Chiamparino e le nozze gay

Dal Corriere:

«Non posso sposarvi perché la legge italiana non lo consente – ha detto loro Chiamparino – ma ho voluto presenziare questa bella cerimonia augurandomi che la mia presenza possa servire a far dire a tutti che siete cittadini di serie A, come tutti noi»

Tradotto in italiano corrente: siccome siamo sotto elezioni, e voglio tenere il piede in due scarpe, non posso rischiare denunce o condanne ma voglio essere simpatico ai gay. Quindi presenzio al finto matrimonio. Da notare il “siete cittadini di serie A, come tutti noi”, anzichè un più decoroso “siamo tutti cittadini di serie A”.

A questa comparsata elettorale di Chiamparino abbocca tale Agostino Ghiglia del Pdl: «È irresponsabile che un uomo delle istituzioni come il sindaco Chiamparino celebri l’unione tra due donne lesbiche quando l’atto non avrà un valore formale, ma solamente propagandistico. Un tema così delicato come quello dei diritti-doveri nelle coppie di fatto, soprattutto se omosessuali, andrebbe affrontato con serietà, sobrietà, equilibrio»

Amen.

Contributi pubblici all’editoria? No grazie.

Questo è un sito “aperto”. Tutti i contenuti sono accessibili. Eppure non percepisco alcun aiuto da parte dello Stato. Poco male, dirà qualcuno, su questo blog c’è poca informazione.

Però a pensarci bene nemmeno l’editore per cui lavoro percepisce contributi statali. Nonostante questo è riuscito a creare un network di blog in 5 nazioni, che offrono informazione gratuita, tutti i giorni, 24 ore su 24.

Senza piagnistei e isterismi, come l’immagine del Manifesto presa ad esempio.

Choc in Francia: «Fumare come sottomettersi…»

Shock e polemiche in Francia per il lancio di una nuova campagna antifumo, rivolta soprattutto ai giovani, che compara il tabagismo a un atto di sottomissione sessuale. «Fumare, è essere schiavi del tabacco», recita lo slogan della campagna. Numerose associazioni per la difesa della famiglia e delle donne partono all’attacco criticando duramente la campagna. Un’iniziativa che durerà fino al 31 maggio nei luoghi pubblici di Francia come bar e discoteche.