Guida la moto con un barbeque in testa: 800 dollari di multa

motorbike-bbq

Probabilmente avrete già visto questa immagine su internet. Si tratta di una foto scattata nel Gennaio 2008, che ritrae appunto un motociclista che guida con una griglia da barbeque in testa. La questione, decisamente ridicola oltre che pericolosa, è stata presa invece seriamente dalla polizia dopo la pubblicazione sull’Herald Sun, quotidiano australiano. Il perchè le indagini siano scattate dopo due anni, non è dato a sapere.

Si è quindi venuto a sapere che alla guida della moto c’era tale Michael Wiles, 29enne neozelandese e che il tratto di strada in cui era stata scattata la foto era la Eastern Freeway di Melbourne. Morale della favola, Wiles è stato giudicato colpevole da un magistrato, che lo ha condannato ad una multa di 800 dollari australiani (550 euro circa), più un mese di sospensione delle patente.

Ma cosa ci faceva Michael con in testa un barbeque? Niente di particolare, a quanto pare lo stava riportando ad un suo amico…

Guida la moto con un barbeque in testa: 800 dollari di multa é stato pubblicato su Motoblog.it alle 10:53 di venerdì 27 agosto 2010.

Il casco Ironman di Jorge Lorenzo

jorge lorenzo indy helmet

Jorge Lorenzo è uno che usa Twitter abitualmente. Sul suo acccount Lorenzo 99 ha postato la foto del casco che userà nel prossimo Gran Premio, con grafica dedicata a Iron Man. Una passione, quella per gli eroi Marvel, già vista con il casco di Capitan America, sempre su base Nolan X-Lite X-802.

Nulla comunque in confronto alla livrea “Spiderman” utilizzata da Melandri nel 2004 al Gp di Portogallo. In quel caso, oltre al casco, vennero ridisegnate anche la tuta e la moto…

Il casco Ironman di Jorge Lorenzo é stato pubblicato su Motoblog.it alle 10:27 di venerdì 27 agosto 2010.

Custom AKOO Yamaha R1

Direttamente da TwoWheelsblog una moto che difficilmente vedremo sulle strade italiane. E’ stata infatti presentata al Magic International Trade Show di Las Vegas una particolare Yamaha YZF-R1 customizzata dal brand di abbigliamento del rapper T.I. AKOO in collaborazione con il designer Rob Uecker di Voodoo Industries.

La AKOO YZF-R1 è verniciata con un mix in stile legno ed alcantara, i cerchioni sono cerchioni realizzati da RC Components Czar Eclips, e monta al posteriore una Avon da 300mm con un monoammortizzatore appositamente preparato da C&S Customs. Quello che sembrano mancare, almeno osservando le immagini, sono gli specchietti.

Lasciando da parte per un istante le opinioni personali su ciò che è bello o brutto, piuttosto che sul “quanto costa”, quello che personalmente mi suscita più curiosità è il comportamento su strada. Qualcuno di voi ha mai provato un mezzo del genere? Se si, come vi siete trovati?

Akoo Yamaha R1 Akoo Yamaha R1 Akoo Yamaha R1 Akoo Yamaha R1Akoo Yamaha R1

Via | autoevolution.com

Custom AKOO Yamaha R1 é stato pubblicato su Motoblog.it alle 11:22 di giovedì 26 agosto 2010.

Alex de Angelis non correrà ad Indianapolis e cerca un nuovo team


Finita l’avventura in MotoGP con la Honda del Team Interwetten come sostituto di Hiroshi Aoyama, iniziano i problemi per Alex De Angelis.

Impossibile il rientro nel team RSM Scot, Alex è alla ricerca di un team che gli permetta di concludere la stagione in Moto2 e soprattutto di essere in pista per Gp di San Marino e della Riviera di Rimini previsto per il 5 settembre.

Sul proprio sito Alex scrive:

Aoyama è tornato al suo posto nel team Interwetten MotoGp quindi, mio malgrado, non sarò al via del Gp di Indianapolis. Gli accordi prevedevano che al termine della mia sostituzione sarei dovuto rientrare nel team RSM Scot ma al momento la squadra ha sospeso i programmi per l’anno in corso. Dal podio ottenuto in MotoGp lo scorso anno proprio a Indy, mi ritrovo purtroppo a guardare la gara in tv non per colpa mia e ovviamente sono molto rammaricato.

Non mi sono però perso d’animo, e mi sto rimboccando le maniche per trovare una soluzione che mi permetta di finire la stagione in un team di Moto2. Al momento ci sono numerosi contatti ma è molto difficile mandare in porto le trattative: i team sono tutti a posto e per fare una terza moto serve un grande budget. In più, contrattualmente parlando, non è facile lasciare a piedi un pilota per fare posto a me, serve tempo. Cercherò di fare di tutto per essere presente al mio gran premio di casa della prossima settimana e valuterò ogni possibilità che sia almeno competitiva.

Alex de Angelis non correrà ad Indianapolis e cerca un nuovo team é stato pubblicato su Motoblog.it alle 11:00 di giovedì 26 agosto 2010.