Quadro Tecnologie presenta Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500

Siamo appena rientrati dalla presentazione di una nuova realtà che potrebbe dare una svolta alla mobilità urbana: Quadro Tecnologie, nata nel 2009 come spin-off dell’azienda Marebese Design di proprietà della famiglia Marabese. La presentazione è stata introdotta al Planetario di Milano e si è conclusa in una delle sale del Museo Naturale adiacente.

Il progetto da cui prende il via l’iniziativa prevede la produzione di un nuovo concetto di veicolo basato su soluzioni tecnologicamente avanzate e brevettate che conferiscono al mezzo maneggevolezza in massime condizioni di sicurezza. Marabese Design, che ha prodotto veicoli di successo per Piaggio, Aprilia, Moto Guzzi, Moto Morini, Triumph, Yamaha e molti altri ha creato Quadro Tecnologie per sviluppare progetti ed introdurre sul mercato con proprio marchio innovativi veicoli a tre e quattro ruote. Va detto che proprio per Piaggio, 10 anni fa, Marabese Design ha progettato e ceduto ciò che poi sarebbe diventato l’MP3.

Veniamo ora alle due novità presentate e non ancora definitive. Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500. Il primo a tre ruote (2 all’anteriore ed una al posteriore) spinto da un motore monocilindrico di 350cc, il secondo a 4 ruote (2 anteriori e 2 posteriori) spinto sempre da un monocilindrico ma da 500cc. Oltre alla maneggevolezza mostrata nel video ci ha stupito la leggerezza dichiarata. 194kg a secco per il Quadro 3D 350 e sotto i 240 kg a secco per il Quadro 4D 500.

Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500

Entrambi saranno dotati di grande capacità di carico. Per il 3D si parla di un vano sottosella capace di alloggiare due caschi integrali mentre quello del 4D potrà ospitare due integrali ed una valigetta per laptop da 17 pollici. Mentre il Quadro 3D 350 sarà lanciato a breve, il lancio del modello a 4 ruote è ancora in via di definizione. L’85% del fatturato atteso dall’azienda è esterno, il 30% è extra-europeo. Il modello a 4 ruote disporrà di una potenza di circa 40 CV e consentirà manovre impensabili per un motoveicolo normale, come salire e scendere le scalinate, curvare su rotaie del tram anche bagnate, parcheggiare su superfici inclinate e o gradini.

Sia Quadro 3D 350 che Quadro 4D 500 saranno prodotti a Taiwan con parte di componentistica italiana ed è in fase di sviluppo una gamma elettrica in collaborazione con Oxygen, nota azienda italiana leader nel settore. Il primo modello che verrà equipaggiato con motorizzazione elettrica sarà il Quadro 3D 350. Infine è già allo studio una versione off-road, per trasformare il Quadro 4D in un veicolo “tutto terreno”.

La frenata è di tutto rispetto e meglio di una supersportiva. Secondo quanto dichiarato bastano solo 12 metri per fermarsi da una velocità di 60 km/h. Al momento è allo studio la possibilità di installare l’ABS. I nuovi Quadro sono mezzi che si guidano a 18 anni con la normale patente B.

Entrambi i modelli saranno distribuiti in Italia tramite circa 135 dealers selezionati con più di 400 punti vendita previsti. La distribuzione internazionale avverrà attraverso importatori di grandi marche (Ferrari, Ducati, Kawasaki e molti altri). Per questo motivo Quadro Tecnologie conta di poter produrre e vendere circa 4500/5000 pezzi già il primo anno. I prezzi, svelati dal direttore commerciale Damian Ariel Scavo, si aggireranno intorno ai 7000 euro per il tre ruote (Quadro 3D 350) e sotto i 9.000 euro per il 4 ruote (Quadro 4D 500).

Non perdetevi le foto inedite ed esclusive dei dettagli che abbiamo (quasi) segretamente scattato alla presentazione. Una sola avvertenza: i modelli visti oggi erano di pre produzione, non ancora definitivi. La presentazione ufficiale sarà effettuata durante il prossimo EICMA a Milano.

Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500

Quadro Tecnologie presenta Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500 é stato pubblicato su Motoblog.it alle 16:36 di mercoledì 29 settembre 2010.

LG NAS N2A2

LG NAS N2A2

Visto all’IFA Berlino, il nuovo LG NAS N2A2 può alloggiare due hard disk. Supporta Windows, Mac e Lniux. Può fare da DLNA media server, printer server, iTunes server ed ovviamente backup pianificati.

Interessante la possibilità di controllo remoto da indirizzi del tipo yourname.lgnas.com. Non ci sono ancora indiscrezioni sul possibile prezzo o sulla data di lancio del prodotto, mentre è certo che in Ottobre un update permetterà l’utilizzo di WebCam USB e IP.

LG NAS N2A2LG NAS N2A2LG NAS N2A2LG NAS N2A2

LG NAS N2A2 é stato pubblicato su Gadgetblog.it alle 16:48 di venerdì 24 settembre 2010.

Helmet cam: ripresa della manutenzione di una torre per telecomunicazioni

Cosa vedono gli addetti alla manutenzione delle torri per telecomunicazioni? Grazie all’uso di una Helmet Cam possiamo avere la visione completa del paesaggio. Attenzione: video non adatto a chi soffre di vertigini…

Helmet cam: ripresa della manutenzione di una torre per telecomunicazioni é stato pubblicato su Gadgetblog.it alle 00:05 di giovedì 16 settembre 2010.

LG LEX8

LG LEX8

LG LEX8 è il nome della serie di punta di televisori della casa coreana LG. Visti all’IFA di Berlino, abbiamo avuto occasione di parlarne nel post relativo al Blogger Forum. Diciamo allora fin sa subito che l’impatto visivo è decisamente impressionante, soprattutto quando si osserva lo spessore ridotto al minimo.

Vediamo le caratteristiche principali. Il LEX8 è un TV 3D ultraslim: lo spessore è infatti di soli 8,8 mm. Il design Infinia porta in dote una cornice in alluminio satinato ed un pannello touch sulla base, dal quale è possibile comandare le varie funzioni: in questo modo possiamo dire addio anche ai soliti tasti. Questo ci porta dritto alla domanda che in molti si sono fatti: com’è stato possibile realizzare uno spessore così piccolo? La risposta è piuttosto semplice. Tutta l’elettronica è inserita nella base, lasciando allo schermo l’unica funzione di fare… da schermo. La base è collegata tramite la staffa al televisore, ma attenzione perchè è “scollegabile” dallo schermo, nel caso ad esempio si voglia fare la classica installazione a muro.

Veniamo allora a qualche dato più tecnico. LG LEX8 ha dalla sua parte la nuova tecnologia Nano Full Led. Questa differisce dalla tecnologia tradizionale poichè i led vengono ora disposti su tutto lo schermo in modo da formare una sorta di griglia. Da notare che rispetto alla generazione precedente i led sono praticamente raddoppiati. A questo si abbinano i 400hz per evitare fenomeni di sfocatura nelle scene in rapido movimento. Sul fronte connettività si segnala la presenza di una porta ethernet per i contenuti in internet tramite NetCast. Da non dimenticare infine il Magic Motion Remote Control, ovvero il telecomando stile Nintendo Wii, per intenderci.

Caratteristiche dell’ LG LEX8: NANO FULL LED TV, NANO Lighting Technology, Micro Pixel Control, Infinite Contrast Ratio, INFINIA Design, TruMotion 400Hz, 3D TV (Dynamic 3D), Picture Wizard II, NetCastTM (Broadband TV), DLNA Ready, Magic Motion Remote Control, USB 2.0 (DivX HD, MP3, JPEG, etc.), Invisible Speakers (7W+7W), Infinite Sound, Clear Voice II. Rimane solo la voce prezzo. Siamo come dicevamo all’inizio su prodotti di punta che portano non poche innovazioni tecnologiche: non c’è quindi da aspettarsi valori da “discount”. Si parla quindi di prezzi che si aggirano sui 4000 euro per il 47 pollici e 5000 euro per i 55 pollici.

LG LEX8LG LEX8LG LEX8LG LEX8

LG LEX8LG LEX8LG LEX8LG LEX8LG LEX8LG LEX8LG LEX8

LG LEX8

LG LEX8 é stato pubblicato su Gadgetblog.it alle 18:03 di lunedì 13 settembre 2010.

LG HX900 3d Sound @ IFA Berlino

LG HX900 3D Sound

Per 3D Sound LG intende un sistema audio che possa dare all’utente una vera esperienza 3D. I sistemi audio studiati negli ultimi anni sono molti, e per quanto riguarda il cinema possono variare da nazione a nazione. Parlando di cinema, mentre in sala il suono arriva dall’alto, nelle case il più delle volta arriva da una posizione molto più bassa. L’obiettivo di 3D sound è quello di avvicinarsi il più possibile all’esperienza della sala cinematografica.

Nello stand presente all’IFA Berlino abbiamo potuto provare il modello LG HX900 3D Sound, composto da 4 Tallboy Speakers e 2 subwoofer. In questo caso i 4 speakers, grazie al Vertical 3D Effect Channel, convogliano il suono anche verso l’alto per poi farlo riscendere. L’abbinamento ai due subwoofer, che utilizzano a loro volta due woofer anzichè uno, produce armoniche in grado di rendere il suono 3D.

Sono questi i fondamenti per il cosiddetto Cinema Dome Effect di LG. In sostanza la combinazione di gamme di suoni orizzontali e verticali permette di ottenere il risultato, piuttosto inaspettato, di riuscire a sentire appunto suoni dove in realtà non sono posizionati gli speakers. Questo produce l’effetto 3D accennato all’inizio, sicuramente gradevole ed interessante se abbinato ad un televisore o proiettore 3D.

LG HX900 3D SoundLG HX900 3D SoundLG HX900 3D SoundLG HX900 3D Sound

LG HX900 3D SoundLG HX900 3D SoundLG HX900 3D Sound

LG HX900 3d Sound @ IFA Berlino é stato pubblicato su Gadgetblog.it alle 17:04 di martedì 07 settembre 2010.

Cloni cinesi iPad all’IFA Berlino

Cloni cinesi iPad

Una piccola sfida che ci eravamo dati prima di arrivare all’IFA di Berlino era quella di andare alla ricerca di eventuali Cloni cinesi dell’iPad. Il tentativo era quello di cercare di capire se i famosi cloni visti in siti come Alibaba, erano qualcosa di presentabile sul nostro mercato o meno. La ricerca è stata piuttosto semplice, vista la presenza di un padiglione composto interamente da operatori cinesi. Vediamo allora cosa abbiamo scoperto all’interno degli stand. La comunicazione con molti degli espositori non è semplice. L’inglese in alcune occasioni è stentoreo così come l’attitudine alla vendita, ma proviamo comunque ad effettuare qualche test.

Prima considerazione. Quello che si vede nelle brochure è diverso da ciò che poi si vede dal vivo. Intendiamoci, l’oggetto è esattamente quello rappresentato, ma l’aspetto reale è spesso molto meno “appetibile”. E nello stesso tempo due prodotti messi a fianco l’uno all’altro e che sembrano identici, risultano altrettanto diversi al tatto. Plastiche di qualità diversa sia per la scocca sia per gli eventuali pulsanti così come pesi diversi. Anche il materiale con il quale è costruito il display touch screen può riservare spiacevoli sorprese: un modello in particolare permetteva di lasciare vere e proprie strisciate di sporco, neanche avessimo intinto le dita nel lardo di Colonnata.

A proposito di touch screen, la maggior parte di quelli che abbiamo visto avevano un comportamento fluido ma piuttosto lento, nell’ambito dell’accettabile considerando il prezzo di vendita. Pochi invece possono dire di essere realmente competitivi rispetto ai prodotti delle aziende più blasonate. La maggior parte dei modelli monta Android 2.1, qualcuno si avventura in Windows 7/XP. Da segnalare che per quelli equipaggiati con Android non c’è ovviamente alcun problema ad avere il sistema in italiano.

Cloni cinesi iPadCloni cinesi iPadCloni cinesi iPadCloni cinesi iPad

La stragrande maggioranza dei modelli dispone di connessione WiFi, e possibilità di connessione tramite sim dati in 3G. Abbiamo visto grande abbondanza di uscite, al contrario rispetto alla “stitichezza” di alcune grandi case. Usb, lettori per Sd, uscite video: c’è un po’ di tutto a seconda delle esigenze. Un po’ di delusione sul fronte GPS: anche quelli che dichiaravano di montarlo non sono stati in grado di mostrare almeno la nostra posizione sulla mappa, anche quando portati all’aria aperta.

Dal punto di vista del design il riferimento è chiaramente l’iPad anche se abbiamo trovato un paio di tablet ispirati all’iPhone 4. Superfici piatte con il bordo scanalato proprio come il nuovo modello Apple: in questo caso i cinesi sono stati abilissimi a reinterpretare l’iPhone. Un modello in particolare aveva la scocca in metallo satinato che gli garantiva quella solidità, almeno al tatto, che gli altri non avevano.

Per quanto riguarda i prezzi, partono dagli 80 dollari a salire. Prezzo ovviamente indicativo perchè gli operatori dichiaravano di vendere a grandi volumi, ed in ogni caso privo dei costi di trasporto, sdoganamento e tasse a vario titolo. Da questo punto di vista c’è da segnalare che qualcuno degli espositori ha dichiarato di non esportare direttamente verso l’Italia.

Quali considerazioni possiamo trarre? I modelli proposti avevano probabilmente un rapporto qualità prezzo adeguato: prezzi bassi e poca resa. Da un certo punto di vista è apprezzabile lo sforzo che questi produttori fanno per poter rimanere sul mercato. Dall’altro possiamo dire che non è certo con prodotti come quelli visti a Berlino che possono sperare di vendere in Europa o in Italia. Non è detto però che da qualche parte in Cina ci sia qualcuno che possa produrre tablet di qualità a basso costo.

Ci sentiamo di dare un consiglio a quanti volessero avventurarsi in acquisti su Alibaba o su Ebay. Abbiamo capito che per fare un buon acquisto in questo campo è necessario avere in mano il prodotto. Acquistare unicamente sulla base di una immagine o in base alla lista delle caratteristiche tecniche può rivelare sgradite sorprese. A meno di mettersi il cuore in pace fin da subito e, per chi può permetterselo, pensare al classico acquisto “o la va o la spacca”. Questo però è un altro paio di maniche…

Cloni cinesi iPadCloni cinesi iPadCloni cinesi iPadCloni cinesi iPadCloni cinesi iPadCloni cinesi iPadCloni cinesi iPadCloni cinesi iPad

Cloni cinesi iPad all’IFA Berlino é stato pubblicato su Gadgetblog.it alle 15:47 di martedì 07 settembre 2010.

Samsung Galaxy Tab: video e recensione

Il Samsung Galaxy Tab è stato presentato nei giorni scorsi all’IFA di Berlino, ve ne abbiamo parlato in un post precedente. Oggi pubblichiamo il video con la recensione di tutte le funzioni principali del tablet di casa Samsung. A illustrare le caratteristiche è stato un manager Samsung che si è gentilmente prestato a fare da “presentatore” per Gadgetblog. Per questo motivo il video è in inglese ma è sicuramente capibile anche da chi non conosce la lingua; la qualità audio non è il massimo, un po’ per la ressa vicino a noi e un po’ per i test che i visitatori della fiera stavano facendo a pochi centimetri da dove ci trovavamo. Per tutte le caratteristiche tecniche vi rimando al post di Xtom mentre se ci sono domande, proveremo a rispondere.

Samsung Galaxy Tab: video e recensione é stato pubblicato su Gadgetblog.it alle 17:34 di lunedì 06 settembre 2010.

Gadgetblog @ LG Blogger Forum 2010: il futuro del Plasma

LG Blogger Forum 2010

Dopo le numerose novità riguardanti i televisori LCD e LED, è lecito chiedersi se c’è ancora futuro per il plasma. E’ proprio questo uno dei temi di cui si è parlato all’LG Blogger Forum 2010. La risposta per LG non può che essere un si convinto. L’azienda coreana continua ad investire nel plasma, anche se la crescita è rallentata. Chiaramente non è la tecnologia numero uno, ma la qualità del plasma è ottima e LG non intende abbandonare questa fascia di tv.

Perchè il plasma non è una moda passeggera? Sostanzialmente le televisioni che usano questo gas riescono a visualizzare in maniera fluida anche i movimenti più rapidi, laddove invece gli LCD dimostrano di avere ancora qualche inconveniente. Il refresh arriva a 0,001 ms con 12 subfields per frame. In generale, inoltre, il plasma ha un angolo di visione più ampio rendendo non indispensabile ruotare il televisore per poter osservare le immagini.

Per ovviare al problema dei consumi, alcuni modelli utilizzano la tecnologia “variabile power”. Se rimane vero che nei momenti di massima luminosità i televisori al plasma consumano maggiormente rispetto a quelli LCD, nelle scene scure riescono a consumare meno risparmiando corrente.

LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010

Per poter avvicinarsi sempre di più all’esperienza al cinema, alcuni televisori al plasma dispongono di certificazioni THX. In questo modo si ha una gamma di colori, accuratezza e gradazione del tutto simile a quella vista al cinema. LG, in particolare, offre il primo THX 3D certificato. Forme ispirate dall’Infinia design, dispone della la cornice più piccola tra i televisori al plasma ed il True Black Filter per rendere anche il nero televisivo sempre più simile a quello reale.

In generale, qualità dell’immagine con schermi di grande dimensione, mostra ancora vantaggi da parte del plasma rispetto alle altre tecnologie. Se avete la necessità di acquistare un televisore grande, il consiglio è quello di verificare e confrontare l’offerta degli schermi al plasma rispetto agli LCD/LED.

LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010LG Blogger Forum 2010

Gadgetblog @ LG Blogger Forum 2010: il futuro del Plasma é stato pubblicato su Gadgetblog.it alle 15:41 di lunedì 06 settembre 2010.