Ford Evos Concept: video e foto Live da Berlino

Mi piace
+1
Tweet

Ford ha svelato oggi a Berlino, in anteprima assoluta rispetto al salone di Francoforte, la Evos concept. Questa affascinante berlina-coupè, di cui abbiamo pubblicato le foto ufficiali questa mattina, ha il compito di mostrare la strada verso il rinnovamento del design Ford, anticipando così i futuri prodotti che vedremo su strada. Da quanto abbiamo potuto capire, più che la base per la Capri, la Evos dovrebbe segnare il nuovo corso per la prossima Mondeo. La Evos Concept è dotata della medesima meccanica plug-in Hybrid della futura C-Max Energi con propulsore benzina 2 litri, motore elettrico e batterie al litio e diverse strategie di funzionamento per esaltare comfort, consumi, emissioni o prestazioni. Lunga 4,5 metri, è larga ben 1,97 ed alta 1.36 metri, con un passo di 2,74 metri. Tra gli elementi di spicco, forse riservati alla sola concept, spiccano le portiere ad apertura verticale e l’abitacolo futuristico, con una inedita elettronica di bordo capace di interagire con il pilota e supportarlo nella guida: da qui la scelta di essere presenti all’importante evento tedesco.

Avanti tutta con l’integrazione con le nuove tecnologie ed in particolare con le connessioni internet. Il futuro in questo caso incomincia davvero a delinearsi per le nuove generazioni di automobilisti, ovvero tutti coloro i quali hanno oggi 15 o 16 anni e che usano abitualmente i social network, ed in prospettiva futura ai cosiddetti “nativi digitali”. Lo vedremo in dettaglio su Gadgetblog ma iniziamo a dare qualche concetto base. Il sistema è definito come “cloud-connected lifestyle”: ovvero i dati vengono memorizzati in un server da qualche parte nel mondo, e non ci interessa dove, e questi possono essere usati per recuperare ad esempio informazioni sugli appuntamenti del guidatore, sul meteo e sul traffico previsti sul percorso, piuttosto che proseguire l’ascolto di un pezzo musicale che l’utente stava utilizzando in casa propria. Da questo punto di vista i campi di applicazione possono essere infiniti.

Il risultato è un’automobile che dovrebbe riuscire a conoscere sempre meglio il proprio guidatore per fornire informazioni sempre più puntuali e precise, siano esse legate al controllo della climatizzazione interna piuttosto che all’utilizzo dei propulsori di bordo in base ai percorsi previsti ed allo stile di guida. Facciamo allora un esempio pratico: marito che ama la guida sportiva e la musica rock e moglie che invece usa l’auto raramente e preferisce la melodica italiana (ma i ruoli potrebbero scambiarsi, ovviamente). L’automobile può riconoscere istantaneamente il guidatore e proporre un assetto più o meno sportivo così come una regolazione dei sedili piuttosto che un particolare tipo di musica. Il tutto senza stare a smanettare ogni volta su comandi vari oppure portarsi dietro cd musicali, chiavette usb o ipod. E questo è solo l’inizio…

Ford Evos Concept LiveFord Evos Concept LiveFord Evos Concept LiveFord Evos Concept Live

Ford Evos Concept LiveFord Evos Concept LiveFord Evos Concept LiveFord Evos Concept Live

Ma andiamo oltre. Alcuni degli scenari elencati durante la conferenza stampa fanno davvero riflettere sul futuro utilizzo delle auto, così come lo concepiamo oggi. Fino ad oggi abbiamo visto concept trasformate in grandi Smartphone, ma l’intento di Ford è quello di offrire un sistema di servizi altamente personalizzati e sicuri, pensati per arricchire l’esperienza di guida in totale sicurezza, raccogliendo per quanto possibile le informazioni senza interpellare direttamente l’utente.

L’auto potrebbe impostare la temperatura interna in base all’ora prestabilita per la partenza verso un appuntamento, piuttosto che spostare la sveglia mattutina di casa se l’appuntamento stesso venisse cancellato, oppure interagire con la domotica dell’appartamento per controllare la chiusura delle serrature dopo aver lasciato il garage, segnalando allo stesso tempo gli spostamenti dell’utente agli amici dei social network.

Attenzione, perchè tutte queste novità non devono distogliere da ciò che amiamo maggiormente, ovvero il piacere di guida. Questo c’è e ci sarà sempre. Ma come il telefono si è evoluto da puro e semplice mezzo di comunicazione tra due persone a qualcosa di infinitamente più potente, è possibile che anche l’automobile si trasformi da puro e semplice mezzo di trasporto a qualcosa di diverso. E così come è possibile usare uno smartphone solo per effettuare semplici chiamate, usare l’automobile “solo” per guidare potrebbe “lecito” ma forse nello stesso tempo… limitativo.

Ford Evos Concept LiveFord Evos Concept LiveFord Evos Concept LiveFord Evos Concept Live

Ford Evos Concept LiveFord Evos Concept LiveFord Evos Concept LiveFord Evos Concept LiveFord Evos Concept LiveFord Evos Concept LiveFord Evos Concept LiveFord Evos Concept LiveFord Evos Concept LiveFord Evos Concept Live

Ford Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making ofFord Evos Making of

Ford Evos Concept: video e foto Live da Berlino é stato pubblicato su Autoblog.it alle 20:01 di mercoledì 31 agosto 2011.

Un floppy da 6GB del 1993

Mi piace
+1
Tweet


Foto enorme per oggetto enorme. Quando abbiamo visto questa foto su Reddit, ci siamo messi a discutere se fosse un fake o meno: ma davvero nel 1993 i floppy da 6GB erano così grandi? Confrontate la dimensione dell’oggettone con quelle della lattina. Sembra quasi un cartone per la pizza. Possibile?

A quanto pare si, perchè dovrebbe trattarsi di un disco magneto-ottico di Sony, grande più o meno come un laser disc, ovvero uno dei vecchi 33 giri, centimetro più centimetro meno. Non oso immaginare il costo all’epoca. Ammetto di non averne mai averne visto dal vivo: qualcuno di voi ha avuto esperienze “mistiche” incontrando qualcosa del genere nei primi anni ‘90?

Un floppy da 6GB del 1993 é stato pubblicato su Downloadblog.it alle 17:00 di venerdì 26 agosto 2011.

Nikon Coolpix AW100

Mi piace
+1
Tweet

Nikon AW100

Nikon ha presentato la nuova Coolpix AW100 dove AW è l’acronimo di All Weather. Impermeabile fino a 10 m, antiurto da un’altezza massima di 1,5 m e resistente alle basse temperature fino a -10 °C, dotata di GPS integrato, orientamento bussola elettronico e la mappa del mondo integrataconsente di inserire facilmente geo-tag nelle immagini, orientarsi in luoghi sconosciuti e segnare il proprio percorso mentre ci si sposta.

Il sensibilissimo sensore CMOS retroilluminato da 16 megapixel raggiunge i 3200 ISO e le modalità dedicate per immagini scarsamente illuminate permettono di ottenere risultati sia in piena luce del sole che di notte o sott’acqua. Il modello AW100 è dotato di lente zoom 5x grandangolare NIKKOR che consente la registrazione di filmati full HD (1080p) con audio stereo e quattro funzioni avanzate per la riduzione dell’effetto mosso, per ridurre al minimo le conseguenze legate a movimento del soggetto, scarsa illuminazione e movimento della fotocamera. La funzione panoramica semplice amplia ulteriormente la visuale permettendo di scattare a 360° e 180°. Quando si effettua una ripresa panoramica verticale o orizzontale di una scena, il sensore CMOS della fotocamera cattura una rapida sequenza di fotogrammi, che vengono poi uniti per creare istantaneamente un meraviglioso panorama.

La modalità subacquea regola automaticamente il bilanciamento del bianco della fotocamera. È possibile regolare le impostazioni e scattare con una mano sola tenendo premuto il pulsante Action Control; una volta attivata questa opzione, è sufficiente far oscillare la macchina avanti e indietro per modificare le impostazioni della fotocamera e scattare immagini delle montagne senza dover nemmeno togliersi i guanti.

Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100

Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100

Nikon Coolpix AW100 é stato pubblicato su Gadgetblog.it alle 17:00 di giovedì 25 agosto 2011.

Nikon Coolpix AW100

Nikon AW100

Nikon ha presentato la nuova Coolpix AW100 dove AW è l’acronimo di All Weather. Impermeabile fino a 10 m, antiurto da un’altezza massima di 1,5 m e resistente alle basse temperature fino a -10 °C, dotata di GPS integrato, orientamento bussola elettronico e la mappa del mondo integrataconsente di inserire facilmente geo-tag nelle immagini, orientarsi in luoghi sconosciuti e segnare il proprio percorso mentre ci si sposta.

Il sensibilissimo sensore CMOS retroilluminato da 16 megapixel raggiunge i 3200 ISO e le modalità dedicate per immagini scarsamente illuminate permettono di ottenere risultati sia in piena luce del sole che di notte o sott’acqua. Il modello AW100 è dotato di lente zoom 5x grandangolare NIKKOR che consente la registrazione di filmati full HD (1080p) con audio stereo e quattro funzioni avanzate per la riduzione dell’effetto mosso, per ridurre al minimo le conseguenze legate a movimento del soggetto, scarsa illuminazione e movimento della fotocamera. La funzione panoramica semplice amplia ulteriormente la visuale permettendo di scattare a 360° e 180°. Quando si effettua una ripresa panoramica verticale o orizzontale di una scena, il sensore CMOS della fotocamera cattura una rapida sequenza di fotogrammi, che vengono poi uniti per creare istantaneamente un meraviglioso panorama.

La modalità subacquea regola automaticamente il bilanciamento del bianco della fotocamera. È possibile regolare le impostazioni e scattare con una mano sola tenendo premuto il pulsante Action Control; una volta attivata questa opzione, è sufficiente far oscillare la macchina avanti e indietro per modificare le impostazioni della fotocamera e scattare immagini delle montagne senza dover nemmeno togliersi i guanti.

Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100

Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100Nikon AW100

Nikon Coolpix AW100 é stato pubblicato su Gadgetblog.it alle 18:00 di giovedì 25 agosto 2011.

Nikon Coolpix P7100

Mi piace
+1
Tweet

Nikon Coolpix P7100

Nikon ha presentato la nuova Coolpix P7100. Vediamo insieme alcune delle caratteristiche tecniche. Ampio sensore di immagine CCD da 10 megapixe, monitor LCD ad alta risoluzione, da 7,5 cm orientabile e 921.000 punti dotato della tecnologia Clear Color di Nikon che riduce i riflessi, anche in condizioni di luce solare intensa.

Obiettivo zoom NIKKOR 7.1x grandangolare con due lenti in vetro ED per ridurre l’aberrazione cromatica e filtro Neutral Density per un maggiore controllo dell’esposizione, sistema rapido di elaborazione delle immagini EXPEED C2, risposta rapida per un flusso di lavoro più snello e scatti facili: consente di cambiare rapidamente funzione e offre avvio immediato, velocità AF eccezionale e ritardo allo scatto ridottissimo. Funzionalità filmato HD avanzato 720p: zoom ottico e autofocus disponibili durante la registrazione a una velocità di circa 24 fps. Il bilanciamento del bianco può essere definito prima della registrazione e la funzione AE consente di impostare l’esposizione automatica preferita in qualunque momento. Supporta l’uso di un microfono esterno ed è dotata di un connettore HDMI incorporato con supporto HDMI-CEC per la riproduzione su HDTV.

Il VR (Riduzione Vibrazioni) a decentramento ottico riduce l’effetto dovuto al movimento della fotocamera. La sensibilità alla luce ISO elevata (fino a 3200 e 12800 in modo notte con disturbi minimi) riduce il rischio di immagini mosse in caso di soggetti in rapido movimento o di condizioni di luce scarsa. Il Rilevamento del movimento compensa i movimenti della fotocamera e del soggetto. La funzione Scelta dello scatto migliore (BSS) consente di selezionare automaticamente lo scatto più nitido tra dieci riprese consecutive.

Pieno controllo manuale: tra i comandi è disponibile una memoria zoom personalizzabile che consente di preimpostare fino a sei lunghezze focali e di passare dall’una all’altra, come se si usassero obiettivi intercambiabili. Orizzonte virtuale: viene visualizzato sull’immagine nel monitor LCD per permettere di confermare la posizione della fotocamera rispetto al piano orizzontale in tempo reale. Compatibilità con Eye-Fi card per una trasmissione diretta a smartphone e card di memoria SD, SDHC, SDXC e UHS-1.

Nikon Coolpix P7100Nikon Coolpix P7100

Nikon Coolpix P7100 é stato pubblicato su Gadgetblog.it alle 12:00 di mercoledì 24 agosto 2011.

Il web surfing aiuta la produttività

Mi piace
+1
Tweet

internet

Mai più rimbrotti da parte del capoufficio: visitare siti internet sul posto di lavoro aiuta la produttività: farsi un giro su internet può avere l’effetto di “rinfresca” sui lavoratori. Non lo diciamo noi, ovviamente, ma l’autorevole Wall Street Journal in un recente articolo.

Il tutto parte dallo studio “Impact of Cyberloafing on Psychological Engagement” di Don J.Q. Chen e Vivien K.G Lim della National University di Singapore, presentato la settimana scorsa negli Stati Uniti. I due ricercatori hanno condotto due studi. Nel primo hanno diviso 96 studenti in tre gruppi: un gruppo di controllo, un gruppo che potremmo definire “pausa tradizionale” ed un gruppo di web-surfing. Tutti i soggetti hanno trascorso 20 minuti dovendo evidenziare più lettere possibili in un semplice testo. Nei dieci minuti successivi al gruppo di controllo è stato assegnato un ulteriore piccolo compito, i membri del gruppo “pausa tradizionale” potevano scegliere qualsiasi attività tranne che navigare in rete mentre al terzo gruppo è stata data la possibilità utilizzare internet. In seguito, tutti i soggetti hanno avuto altri 10 minuti per lo stesso lavoro iniziale: evidenziale lettere in un testo. I ricercatori hanno quindi capito che chi aveva trascorso la pausa navigando in internet era più produttivo ed efficace rispetto ai membri degli altri due gruppi, con livelli di stanchezza mentale più bassi e livelli di impegno più alti.

Ma attenzione, secondo gli autori dello studio navigare in internet è un’attività che funge da ristoro mentale, mentre inviare mail personali è un’attività stressante. Ed è questo l’oggetto della seconda parte dei test, condotti con lo stesso metodo. Che differenza c’è tra le due attività? Durante la navigazione in Internet le persone scelgono di visitare solo siti piacevoli, a prescindere dall’argomento che varia da persona a persona. E’ come fare una pausa caffè o uno snack: si tratta di interruzioni piacevoli. Al contrario leggere e rispondere ad ogni email è un’attività cognitivamente più impegnativa, è necessario prestare attenzione a ciò che si scrive, a come lo scrive e così via. Consiglio a tutti i manager che ci leggono? Lasciate perdere filtri contro l’accesso al web nelle vostre aziende, soprattutto se si tratta dei blog del network Blogo, ovviamente.

Sapete cosa vi dico? Adesso apro il browser e mi faccio una meritata pausa!

Foto | Flickr

Il web surfing aiuta la produttività é stato pubblicato su Downloadblog.it alle 11:00 di mercoledì 24 agosto 2011.

Sony Handycam NEX-VG20E

Mi piace
+1
Tweet

Sony Handycam NEX-VG20E

In vista del prossimo IFA Berlino, Sony ha presentato la nuova videocamera Handycam NEX-VG20E, erede della NEX-VG10E, e disponibile dal prossimo Novembre. Dotato di 16,1 megapixel di risoluzione, il sensore CMOS Exmor HD APS riesce a limitare il rumore anche in condizioni di scarsa luminosità. Inoltre, la videocamera è in grado di scattare fermi immagine da 16 megapixel, supporta il formato RAW e obiettivi ad attacco E. La ripresa in formato AVCHD Full HD offre due frame rate: 50p e 25p (a scansione progressiva). I filmati a 25p possono essere perfezionati ricorrendo alle funzioni Cinema Tone Gamma™ e Cinema Tone Colour™, che conferiscono alle scene un aspetto ancora più ricco e cinematografico.

I dialoghi e tutti gli altri suoni sono catturati dal microfono di precisione Quad Capsule Spatial Array, che, nella nuova versione, supporta audio sia stereo che a 5.1 canali. Sono presenti, inoltre, un nuovo controllo del livello audio e ingressi di calibro professionale per collegare microfoni esterni e cuffie monitor.

Per inquadrare e rivedere gli scatti attraverso immagini chiare e a contrasto elevato, basta aprire lo schermo LCD Xtra Fine da 7,5 cm (3″) con tecnologia TruBlack. Lo schermo può essere ruotato di 270° per inquadrare anche impugnando la telecamera in basso. Il modello Handycam NEX-VG20EH ha in dotazione un obiettivo SEL18200 F3.5-6.3 ad attacco E, con ampio zoom ottico 11x e Optical SteadyShot integrato, per offrire tutta la versatilità di una messa a fuoco fluida e silenziosa sia in fase di ripresa che di scatto.

La famiglia di obiettivi ad attacco E è composta attualmente da 7 elementi e grazie al nuovissimo adattatore opzionale LA-EA2, il primo al mondo con tecnologia Translucent Mirror Technology™ integrata, è possibile estendere la compatibilità alla serie di ottiche ad attacco A e ottenere una messa a fuoco manuale ad alta velocità e rilevamento di fase, utile per mantenere a fuoco anche i soggetti in rapido movimento.

Sony Handycam NEX-VG20ESony Handycam NEX-VG20ESony Handycam NEX-VG20ESony Handycam NEX-VG20E

Sony Handycam NEX-VG20E é stato pubblicato su Gadgetblog.it alle 10:30 di mercoledì 24 agosto 2011.

Binocoli digitali Sony DEV-3 e DEV-5 con registrazione di filmati in HD

Mi piace
+1
Tweet

Binocoli digitali Sony DEV-3 e DEV-5

Si chiamano DEV-5 e DEV-3 e sono la nuova coppia di binocoli digitali di Sony, disponibili dal prossimo Novembre. Sono i primi binocoli digitali al mondo in grado di registrare anche video in Full HD con audio stereo. La modalità di ripresa in 3D trasforma qualunque scena in una clip stereoscopica, che potrà essere visualizzata sui televisori 3D compatibili. Lo zoom variabile è di serie su entrambi i modelli, mentre attivando lo zoom digitale per ingrandimenti superiori a 10x, è possibile portare il range di ingrandimento del modello DEV-5 da 0.9x a 20x mentre il DEV-3 arriva a 10x.

Diversamente dai binocoli classici, i nuovi DEV sono dotati di autofocus elettronico per inquadrare e definire perfettamente tutti i soggetti, anche quelli in movimento. E’ comunque sempre presente la classica ghiera. L’autofocus elettronico consente a entrambi i binocoli di inquadrare nitidamente i soggetti anche da 1 cm di distanza durante le riprese in 2D (80 cm per le riprese in 3D), offrendo la possibilità di ingrandire sia i soggetti in primo piano che i punti più distanti.

Assistite dai sensori CMOS Exmor R e dal processore BIONZ, le due ottiche G di precisione abbinate restituiscono immagini separate per l’occhio destro e sinistro, rese ancora più chiare e dettagliate dall’azione dei mirini elettronici indipendenti per ciascun lato. I binocoli digitali DEV-5 e DEV-3 beneficiano del sistema di stabilizzazione ottico SteadyShot con modalità Active che ottimizza il livello di nitidezza e stabilità delle immagini anche a ingrandimenti elevati ed è efficace durante le riprese di video destinati alla riproduzione su televisori HD.

A coronamento di questa serie di dotazioni, il modello DEV-5 include un ricevitore GPS interno, in grado di procedere al geotagging automatico. Entrambi i modelli sono alimentati da una batteria ricaricabile ad alta capacità (NP-FV70) che consente di registrare fino a 3 ore di scene in 2D con una sola carica. Disponibile attraverso canali di vendita professionali, il binocolo DEV-5K offre le stesse specifiche tecniche del DEV-5, ma include in più il caricabatterie/adattatore ad alta velocità AC-VQV10 e una batteria NP-FV100 ad alta capacità.

Binocoli digitali Sony DEV-3 e DEV-5
Binocoli digitali Sony DEV-3 e DEV-5Binocoli digitali Sony DEV-3 e DEV-5Binocoli digitali Sony DEV-3 e DEV-5Binocoli digitali Sony DEV-3 e DEV-5Binocoli digitali Sony DEV-3 e DEV-5

Binocoli digitali Sony DEV-3 e DEV-5 con registrazione di filmati in HD é stato pubblicato su Gadgetblog.it alle 16:00 di martedì 23 agosto 2011.

Corte Federale di New York: l’ok alla musica su cloud

Mi piace
+1
Tweet

Sospiro di sollievo sia per gli utenti sia per i servizi che propongono l’archiviazione di musica online, dopo la decisione di una corte federale negli Stati Uniti. Mp3Tunes, e quindi anche Dropbox, Amazon, Google Music e via via tutti gli altri, non violano nessuna legge quando salvano e permettono l’utilizzo di un solo file mp3 piuttosto che, ad esempio, salvarne 100 uguali per 100 diversi utenti. Secondo Wired la decisione della corte chiarisce meglio come potrà svilupparsi la tecnologia ed il business attorno ai servizi cloud. Le aziende potranno ridurre drasticamente lo spazio utilizzato dagli utenti mentre gli utenti dovrebbero essere in grado di fruire più rapidamente dei servizi, il tutto senza avere problemi legali da parte delle varie etichette musicali.

Era stata MP3tunes l’azienda nel mirino di EMI, proprio per il metodo utilizzato per fornire il proprio servizio cloud. L’utente effettua l’upload della musica nel proprio “locker” sul web, dal quale è poi possibile riprodurre i brani da qualsiasi dispositivo connesso. Ma invece di caricare tutti i file di tutti gli utenti, il software di MP3tunes controlla nel proprio archivio è presente un altro brano identico: in caso positivo viene aggiunto all’area personale senza neanche effettuare l’upload. Non importa quanti utenti carichino nel proprio “locker” il brano: MP3tunes ne conserva una copia sola.

La corte federale di New York ha chiarito che il metodo è legale solo per le copie identiche dello stesso file, cosa che può essere determinata tramite un controllo sull’hash MD5. La corte ha anche chiarito che se i file di uno stesso brano musicale differiscono anche di pochissimo, cosa che può capitare ad esempio con canzoni “rippate” direttamente da CD, MP3tunes non potrà sostituirle con una propria copia “master”: gli utenti dovranno effettuare il classico upload e MP3tunes dovrà archiviare le copie differenti.

Buone notizie quindi anche per Dropbox, che utilizza un sistema del tutto simile che funziona per musica, video e testo. Sorridono anche Amazon e Google che avevano lanciato i propri servizi cloud senza accordarsi con le major della musica. I due giganti non avevano previsto la possibilità di conservare una sola copia, rendendo ad esempio l’upoload di una collezione video virtualmente impossibile per i i tempi biblici di questa operazione. Grazie alla decisione della corte potranno implementare lo stesso meccanismo di MP3Tunes, dando all’utente quella velocità nelle operazioni di carico file che prima non c’era. Da notare invece la mossa diametralmente opposta di Apple: grazie ad un accordo con le major, Apple può usare file master. Questo significa che se un utente carica un file di bassa qualità, il servizio di Apple provvederà ad effettuale una sorta di upgrade gratuito verso quella migliore.

Ultimo, la corte ha stabilito che il “sideloading” di MP3tunes è legale. Gli utenti possono aggiungere canzoni che hanno trovato su pagine web direttamente nel proprio “locker”. Una funzione che non sembra essere particolarmente appetita da Google. Il fondatore di MP3tunes Michael Robertson lavora proprio in Google dopo l’acquisizione di una delle sue società, ma non sembra essere interessato… almeno per ora.

Foto | Flickr

Corte Federale di New York: l’ok alla musica su cloud é stato pubblicato su Downloadblog.it alle 14:00 di martedì 23 agosto 2011.

@HP #savewebos

Mi piace
+1
Tweet

Non si è ancora spento il clamore relativo alla decisione di HP di abbandonare webOs e di non fornirlo in licenza a produttore terzi. Incominciano a muoversi anche gli utenti per protestare nei confronti della stessa HP. Heiko Thies ha pubblicato un video in cui esprime il proprio amore per il sistema operativo, e finisce un messaggio criptico ma nello stesso tempo eloquente per chi usa Twitter abitualmente: “@HP #savewebos”.

Una sorta di appello generale affinchè gli utenti usino Twitter per gridare il proprio dissenso, e magari far cambiare idea ai dirigenti HP. Come abbiamo già detto nei giorni scorsi, webOs rimane comunque un buon sistema operativo e non merita una fine simile. Provate a dare un occhio al video e, se la cosa vi sta a cuore, twittate “@HP #savewebos”.

Via | Ubergizmo

@HP #savewebos é stato pubblicato su Downloadblog.it alle 17:30 di lunedì 22 agosto 2011.