Google banna co.cc


Con una decisione drastica, Google ha deciso di rimuovere completamente dai risultati delle ricerche i siti del dominio “.co.cc”. Causa? Troppo spam.

Come riporta The Register, il dominio co.cc è di proprietà di un’azienda coreana che offre domini gratuitamente. Google afferma di aver esercitato di diritto di bloccare l’intero dominio quando la maggior parte dei siti contenuti origina spam oppure ospita materiale di scarsa qualità. Recentemente sul proprio blog, Google aveva scritto che per aiutare gli utenti ad identificare quali sottodomini erano oggetto di abuso, erano stati modificati sistemi anti malware, e che in casi estremi avrebbe potuto inibire l’intero dominio.

Secondo Anti-Phishing Working Group il dominio .cc ha ospitato 4.963 attacchi phishing solo nella seconda metà del 2010. Si tratta di almeno il doppio di ogni altra estensione di dominio. Da notare che cc.co offre la possibilità di registrare 15.000 indirizzi per mille dollari, ovvero meno di 5 centesimi di euro a nome.L’azienda afferma di avere registrato 11.383.736 domini su 5.731.278 account utente. Tanto per dare l’idea è si tratta di un numero maggiore rispetto alle registrazioni dei domini .org, sia .uk. Il dominio .cc corrisponde alle isole Cocos, un territorio australiano nell’Oceano Indiano.

Tutti gli altri domini .cc non sono stati ovviamente toccati dalle modifiche di Google. Vedremo comunque nei prossimi mesi se questo rimarrà un caso isolato o meno. Si apre però un dibattito, perchè è tutto da vedere fino a che punto un motore di ricerca può spingersi nel bannare un’intera classe di domini. Anche se a fin di bene, può esserci il caso di un sito in completa buona fede, che da oggi si vede di fatto oscurato. Fino a che punto è corretto che i motori di ricerca si facciano “garanti” e “protettori” nei confronti degli utenti? Oggi si parla di phishing, e se domani si iniziasse a parlare di contenuti?

Google banna co.cc é stato pubblicato su Downloadblog.it alle 16:15 di mercoledì 06 luglio 2011.

Rispondi