Innovation Power Panel Keynote @ CES 2012

Mi piace
+1
Tweet

Alan Mulally

In questo momento mi trovo a Las Vegas per il CES 2012. Il primo impatto è quello di trovarsi tra migliaia di “amici”, ovvero di appassionati e professioni di tecnologia, ognuno con un compito ben preciso. C’è chi presenta nuovi prodotti, e chi cerca di capire quale avrà successo.

Siamo stati invitati qui da Ford, come seconda parte dell’iniziativa che ha portato al Salone di Detroit 150 bloggers provenienti da tutto il mondo. Un’operazione che ha suscitato scalpore tra gli addetti ai lavori del mondo dell’automobile, perchè per la prima volta si sono ribaltati i rapporti: Ford ha invitato più bloggers che giornalisti: è l’alba di una nuova era? Ovviamente noi speriamo di si.

Veniamo allora all’Innovation Power Panel Keynote al quale abbiamo assistito. Moderatore dell’incontro Gary Shapiro, presidente e CEO della Consumer Electronics Association (CEA), ospiti Usula Burns (chairman e CEO di Xerox), Alan Mulally (presidente e CEO di Ford) e John Stratton (presidente di Verizon Enterprise).

L’innovazione va di pari passo con gli investimenti, ma cosa accade quando gli investitori chiedono di tagliare i costi? Può accadere che le loro attenzioni si rivolgano verso le voci di spesa più grandi, come ad esempio lo sviluppo. Shapiro chiede allora come si comportano le aziende degli ospiti. Per noi, dice la Burns, non è un problema. Se non investi oggi non avrai mai un lungo futuro. Dobbiamo togliere la pressione sull’abbattimento dei fondi sugli investimenti. Mulally è d’accordo: se fermi gli investimenti è come abdicare. Qualcun altro può insidiare la tua posizione. E’ proprio investendo che cerchiamo di essere pionieri dell’innovazione. Stratton prosegue il discorso: ogni tecnologia di successo è frutto di una lunga ricerca. La ricerca porta a nuovi prodotti, con i quali si faranno buoni profitti. Se uno vuole i profitti, deve investire.

La ricerca è comunque fatta dalle persone: come si scelgono le persone giuste? Shapiro fa riferimento a Mulally: quando sei arrivato dalla Boing, eri uno “fuori dal giro” di Detroit. Si, risponde Mulally, ma arrivavo da un mondo che si occupava di questioni complesse, come costruire aeroplani. Ho seguito la visione di Henry Ford, continuare sull’innovazione. Ford diceva che c’è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti, ed è questa la strada che continuiamo a percorrere. Abbiamo aperto fabbriche in tutto il mondo per essere più vicini alle persone in ogni luogo, abbiamo creato posti di lavoro in tante nazioni, con noi lavorano persone di nazionalità diverse.

I fallimenti aiutano a crescere? Si, dice Mulally, che come Stratton afferma che i fallimenti sono indispensabili alla crescita anche se, ovviamente, non sono incoraggiati… E’ grazie agli insuccessi che c’è anche un continuo miglioramento. Opinione per certi versi diversa quella della Burns, che punta sulla differenza tra errori e fallimenti: tutti noi facciamo errori, ma non per questo si deve parlare di fallimento. Sono due cose simili ma diverse, gli errori si possono correggere e le persone intelligenti subito dopo aver commesso un errore, pensano a come rimediare.

Torniamo allora al punto iniziale. Le incertezze dei mercati non invita alla ricerca, ma si tratta di una scelta obbligata per le aziende che puntano ad essere leader nel proprio settore.

Innovation Power Panel Keynote @ CES 2012 é stato pubblicato su Downloadblog.it alle 00:33 di venerdì 13 gennaio 2012.

Rispondi