La città dei golf cart elettrici

Si chiama The Villages, si trova in Florida, ed è la città delle auto elettriche. O meglio, dei golf cart elettrici. Una realtà che sa molto di americano, visto che si tratta di un luogo appositamente studiato per chi vuole godersi la pensione in santa pace, magari giocando anche a golf. Non sappiamo se sia nato prima l’uovo o la gallina, ovvero se l’utilizzo dei cart da golf sia stato pensato per il trasporto pubblico o quello sportivo. Fatto sta che a The Villages ci sono 90 miglia di percorsi per cart e giocoforza vengono ormai usati al posto delle tradizionali auto. Sono tutto sommato comodi per chi non ha fretta, sono silenziosi ma soprattutto da quello che possiamo capire dal video, per guidarle non è necessaria la patente. Numeri da capogiro: i golf cart circolanti sono 50.000 e solo 16.000 persone sono iscritte al golf club. Significa che circa due terzi dei golf cart non hanno nulla a che fare con l’attività sportiva.

Da qui a personalizzarli il passo è breve. La mia preferita è quella gialla con le fiamme, stile American Graffiti. Ma ce ne sono molte altre: basta andare da Tony Colangelo e scegliere dal suo catalogo. C’è la simil Mustang, l’Hummer, la Cadillac, una Chevy del ‘57 e chissà quante altre. I prezzi vanno dai 6.000 ai 20.000 dollari. Ma il premio del “tamarro” numero uno va al tizio che si è fatto installare anche il suono in stile hotrod, affascinante e fastidioso allo stesso tempo. Qui da noi, invece, c’è chi si diverte a personalizzare le microcar: tutto il mondo è paese, non trovate?

Certo, i golf cart non sono mezzi adatti al traffico delle normali città, eppure l’esperimento sembra funzionare. Chissà se nel mondo altre cittadine ne coglieranno l’esempio…

Via | Presurfer

La città dei golf cart elettrici é stato pubblicato su Autoblog.it alle 17:00 di giovedì 02 giugno 2011.

Rispondi