Ford Fusion – Salone di Detroit 2012 Live

Mi piace
+1
Tweet

Ford Fusion - Salone di Detroit 2012 Live

Qui in diretta dal Salone di Detroit grazie all’iniziativa di Ford che ha inviato ben 150 bloggers provenienti da tutto il mondo per scoprire le ultime novità. Non solo bloggers appassionati di auto, ma esperti di design e lifestyle, ognuno con una propria visione e le proprie particolarità.

Alla Joe Louis Arena è stata presentata la Ford Fusion in anteprima mondiale non è più un modello che guarda solo all’America, ma un nuovo passo nel cammino che va sotto il nome di “One Ford“. Una strada che ha portato alla realizzazione di una Fiesta ed una Focus uguali sulle due sponde dell’Atlantico. E che forse già fra un paio di mesi vedrà il debutto della prossima Mondeo. Identica, per l’appunto alla nuova Fusion.

La nuova berlina tre volumi di segmento D risente evidentemente degli stilemi introdotti dalla Evos Concept allo scorso Salone di Francoforte. Da quello scenografico prototipo deriva in primo luogo la nuova presa d’aria e l’andamento dinamico del cofano motore, scalfito da profonde nervature longitudinali. Tutta improntata al dinamismo, la linea della Fusion/Mondeo culmina in una coda che nei gruppi ottici ritrova un ulteriore punto di contatto con la Evos.

La Fusion avrà una gamma motori leggermente diversa da quella della Mondeo: il modello americano debutterà con due turbo EcoBoost, un 1.6 da 180 CV e un 2.0 da 240 CV, quest’ultimo disponibile anche con le quattro ruote motrici. Le due unità sovralimentate affiancheranno il 2.5 quattro cilindri aspirato da 170 CV, mentre in un secondo momento arriveranno le varianti ibrida e ibrida plug-in (quest’ultima con un’autonomia di 800 km).

Ford Fusion - Salone di Detroit 2012 LiveFord Fusion - Salone di Detroit 2012 LiveFord Fusion - Salone di Detroit 2012 LiveFord Fusion - Salone di Detroit 2012 LiveFord Fusion - Salone di Detroit 2012 LiveFord Fusion - Salone di Detroit 2012 LiveFord Fusion - Salone di Detroit 2012 LiveFord Fusion - Salone di Detroit 2012 Live

Ford Fusion - Salone di Detroit 2012 LiveFord Fusion - Salone di Detroit 2012 LiveFord Fusion - Salone di Detroit 2012 LiveFord Fusion - Salone di Detroit 2012 Live

Se il 1.6 disporrà della sola trasmissione manuale a sei marce, i due motori più potenti si potranno scegliere anche con un automatico dallo stesso numero di rapporti, che sul 2.0 turbo rappresenterà l’unica alternativa, mentre sul 2.5 aspirato affiancherà il cambio manuale. Sul mercato USA a partire dall’autunno, la Fusion debutterà anche con la variante ibrida da 185 CV, basata su un 2.0 aspirato derivato dal 2.5 che equipaggia l’attuale Fusion Hybrid.

Ford Fusion - Salone di Detroit 2012 LiveFord Fusion - Salone di Detroit 2012 LiveFord Fusion - Salone di Detroit 2012 LiveFord Fusion - Salone di Detroit 2012 LiveFord Fusion - Salone di Detroit 2012 LiveFord Fusion - Salone di Detroit 2012 LiveFord Fusion - Salone di Detroit 2012 LiveFord Fusion - Salone di Detroit 2012 LiveFord Fusion - Salone di Detroit 2012 Live

Ford Fusion – Salone di Detroit 2012 Live é stato pubblicato su Autoblog.it alle 17:00 di lunedì 09 gennaio 2012.

Fotospia Seat Ibiza ST FR

Fotospia Seat Ibiza ST FR

Il mercato delle wagon pepate avrà a breve un nuovo concorrente. Seat sta lavorando ad una versione FR della Ibiza St. Dal punto di vista della motorizzazione ci aspettiamo un TSI da 1,4 litri da 160 cv con cambio DSG. Look più aggressivo, con cerchi maggiorati e freni in evidenza. Potrebbe avere successo in Italia?

Fotospia Seat Ibiza ST FRFotospia Seat Ibiza ST FRFotospia Seat Ibiza ST FRFotospia Seat Ibiza ST FRFotospia Seat Ibiza ST FRFotospia Seat Ibiza ST FR

Fotospia Seat Ibiza ST FR é stato pubblicato su Autoblog.it alle 13:00 di venerdì 08 luglio 2011.

Nuova Mercedes Classe M

Nuova Mercedes-Benz Classe M

Anteprima italiana per la nuova Mercedes-Benz Classe M a Como. Luogo dell’evento l’Advanced Design Studio, presso il quale siamo stati invitati grazie all’iniziativa di Mercedes ed Autostrade 150elode.it. La Classe M verrà presentata ufficialmente a Francoforte, ma possiamo dare già oggi i primi dati relativi alla sua commercializzazione. Gli ordini partiranno dal prossimo 11 Luglio, mentre è previsto un Open Week End per il 26 ed il 27 Novembre. Tre le versioni proposte: ML 250 biturbo Bluetec 4 matic, ML 350 Bluetec V6 3L, entrambe a gasolio, e ML 350 4MATIC BlueEFFICIENCY a benzina. Sono tre anche gli allestimenti: Edition 1, Sport e Premium. Per quanto riguarda i prezzi si parte da 58.500 euro per la ML 250 Biturbo BlueTEC 4MATIC in versione Sport.

La ML 250 Biturbo BlueTEC monta un quattro cilindri Euro 6, già apprezzato, tra l’altro, sulla Classe S. La casa dichiara una potenza di 150 kW (204 CV) ed una coppia di 500 Newtonmetri; l’accelerazione da zero a 100 km/h avviene in 9,0 secondi e la velocità massima è di 210 km/h. La ML 350 BlueTEC è equipaggiata con un V6 da 3,0 litri omologato Euro 6, che assicura prestazioni migliori a fronte di minori consumi. In questo caso la potenza massima è di 190 kW (258 CV) con coppia di 620 Newtonmetri; il V6 diesel accelera da 0 a 100 km/h in 7,4 secondi e raggiunge una velocità massima di 224 km/h. Il modello a benzina ML 350 4MATIC BlueEFFICIENCY porta in dote la tecnologia della nuova generazione di motori BlueDIRECT: l’iniezione diretta di benzina di terza generazione, con combustione a getto guidato e nuovi iniettori piezoelettrici con pressione di iniezione di 200 bar, l’accensione multipla “Multi Spark Ignition” (MSI) ed un innovativo procedimento di combustione a carica stratificata. La potenza è di 225 kW (306 CV) e raggiunge una velocità massima di 235 km/h.

La terza generazione della Classe M si caratterizza per la forma del montante posteriore, quasi un marchio di fabbrica. Il frontale è dominato dalla mascherina del radiatore con la Stella al centro. D’effetto il design dei gruppi ottici: le luci diurne a LED sono integrate in un listello cromato all’interno del paraurti. L’ampia e più alta protezione sottoscocca dal “look cromato” si estende fino al bordo inferiore della mascherina del radiatore. Il cristallo laterale posteriore si inserisce nel lunotto senza che il montante risulti visibile. Il paraurti, con protezione integrata del bordo di carico dal “look cromato” e con il nuovo “Wing-Design” caratterizza l’aspetto della coda del SUV.

Nuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe M

Nuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe M

Nel filmato qui sopra, una parte della presentazione della nuova Mercedes Classe M.

Nota: alcune delle foto di questa gallery sono di Francesco de Luca, che ringraziamo.

Nuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe MNuova Mercedes-Benz Classe M

Nuova Mercedes Classe M é stato pubblicato su Autoblog.it alle 17:00 di mercoledì 06 luglio 2011.

Foto spia Ford Fiesta ST

Ford Fiesta ST

La nuova Ford Fiesta ST è stata immortalata nuovamente in una serie di test sul circuito del Nürburgring; in questo caso sono sparite quasi del tutto le camuffature. Possiamo notare il nuovo frontale con le finte prese d’aria cromate su entrame i lati del paraurti. Non riusciamo invece a confermare la presenza di fari a led. Sembrano invece del tutto nuovi i cerchi,: potrebbe essere un nuovo disegno che verrà esteso alle altre ST? All’apparenza sembra che il progetto per la Ford Fiesta ST sia talmente avanti da farci pensare che potremo vederla dal vivo già al prossimo Salone di Francoforte in Settembre: siete d’accordo con noi?

Ford Fiesta ST
Ford Fiesta STFord Fiesta STFord Fiesta STFord Fiesta STFord Fiesta STFord Fiesta ST

Foto spia Ford Fiesta ST é stato pubblicato su Autoblog.it alle 15:00 di venerdì 17 giugno 2011.

Google e Ford: nel futuro le auto saranno intelligenti

Ford Google

Google I/O è la conferenza che si sta tenendo a San Francisco per presentare le proprie novità. C’è qualcosa anche su fronte automobili, con l’annuncio di un progetto che vede coinvolte Ford e la stessa Google. Ford utilizzerà le “Google’s prediction API” per aiutare gli automobilisti a risparmiare carburante guidando in maniera più efficiente.

Ford pensa di utilizzare il servizio di Google per analizzare i dati raccolti sulle abitudini degli automobilisti in modo da prevedere modalità di guida ed ottimizzare l’efficienza sia dei motori tradizionali sia di quelli ibridi. L’automobile potrebbe quindi ottimizzare automaticamente il proprio percorso e le varie impostazioni grazie a quanto individuato da Ford grazie all’analisi dei dati Google.

I ricercatori saranno in grado di progettare sistemi che potranno utilizzare la serie di dati storici raccolti dall’automobilista. Quali strade ha percorso e quando, ed a quale velocità, ad esempio, in modo da unirli con quelli attuali ed ottenere previsioni in tempo reale. Raccogliendo in maniera anonima questi dati, sarà anche possibile farsi consigliare la strada migliore, in quell’esatto momento, in modo da guidare in maniera più efficiente.

Ford Google

Qualcosa di molto futuribile? Non proprio, perchè qualcosa di simile ma in maniera “soft”, è già fornita da Waze, applicazione gratuita per iPhone, Android, Blackberry, Windows Mobile e Symbian. Si tratta in fondo di un servizio GPS al quale gli utenti possono decidere di inviare informazioni sul traffico, sugli autovelox o eventuali incidenti. Se per alcuni dati è necessaria un’azione da parte dell’utente, come ad esempio la segnalazione dell’autovelox, per altri è il programma stesso che si accorge di un’andatura molto più lenta del solito, individuando così traffico intenso. La rotta del GPS potrà quindi essere modificata a seconda delle indicazioni ricevute.

Come già accennato in altre occasioni, siamo di fronte ad un mondo che sta per aprirsi. Probabilmente alcune funzionalità saranno accantonate ed altre avranno un’implementazione maggiore, sicuramente le automobili saranno sempre più connesse tra loro, un po’ come accaduto nell’evoluzione della cara e vecchia cornetta telefonica.

Update: post editato dopo la prima pubblicazione

Ford Google
Ford Google

Via | News Grange

Google e Ford: nel futuro le auto saranno intelligenti é stato pubblicato su Autoblog.it alle 14:05 di mercoledì 11 maggio 2011.

Quadro Tecnologie presenta Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500

Siamo appena rientrati dalla presentazione di una nuova realtà che potrebbe dare una svolta alla mobilità urbana: Quadro Tecnologie, nata nel 2009 come spin-off dell’azienda Marebese Design di proprietà della famiglia Marabese. La presentazione è stata introdotta al Planetario di Milano e si è conclusa in una delle sale del Museo Naturale adiacente.

Il progetto da cui prende il via l’iniziativa prevede la produzione di un nuovo concetto di veicolo basato su soluzioni tecnologicamente avanzate e brevettate che conferiscono al mezzo maneggevolezza in massime condizioni di sicurezza. Marabese Design, che ha prodotto veicoli di successo per Piaggio, Aprilia, Moto Guzzi, Moto Morini, Triumph, Yamaha e molti altri ha creato Quadro Tecnologie per sviluppare progetti ed introdurre sul mercato con proprio marchio innovativi veicoli a tre e quattro ruote. Va detto che proprio per Piaggio, 10 anni fa, Marabese Design ha progettato e ceduto ciò che poi sarebbe diventato l’MP3.

Veniamo ora alle due novità presentate e non ancora definitive. Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500. Il primo a tre ruote (2 all’anteriore ed una al posteriore) spinto da un motore monocilindrico di 350cc, il secondo a 4 ruote (2 anteriori e 2 posteriori) spinto sempre da un monocilindrico ma da 500cc. Oltre alla maneggevolezza mostrata nel video ci ha stupito la leggerezza dichiarata. 194kg a secco per il Quadro 3D 350 e sotto i 240 kg a secco per il Quadro 4D 500.

Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500

Entrambi saranno dotati di grande capacità di carico. Per il 3D si parla di un vano sottosella capace di alloggiare due caschi integrali mentre quello del 4D potrà ospitare due integrali ed una valigetta per laptop da 17 pollici. Mentre il Quadro 3D 350 sarà lanciato a breve, il lancio del modello a 4 ruote è ancora in via di definizione. L’85% del fatturato atteso dall’azienda è esterno, il 30% è extra-europeo. Il modello a 4 ruote disporrà di una potenza di circa 40 CV e consentirà manovre impensabili per un motoveicolo normale, come salire e scendere le scalinate, curvare su rotaie del tram anche bagnate, parcheggiare su superfici inclinate e o gradini.

Sia Quadro 3D 350 che Quadro 4D 500 saranno prodotti a Taiwan con parte di componentistica italiana ed è in fase di sviluppo una gamma elettrica in collaborazione con Oxygen, nota azienda italiana leader nel settore. Il primo modello che verrà equipaggiato con motorizzazione elettrica sarà il Quadro 3D 350. Infine è già allo studio una versione off-road, per trasformare il Quadro 4D in un veicolo “tutto terreno”.

La frenata è di tutto rispetto e meglio di una supersportiva. Secondo quanto dichiarato bastano solo 12 metri per fermarsi da una velocità di 60 km/h. Al momento è allo studio la possibilità di installare l’ABS. I nuovi Quadro sono mezzi che si guidano a 18 anni con la normale patente B.

Entrambi i modelli saranno distribuiti in Italia tramite circa 135 dealers selezionati con più di 400 punti vendita previsti. La distribuzione internazionale avverrà attraverso importatori di grandi marche (Ferrari, Ducati, Kawasaki e molti altri). Per questo motivo Quadro Tecnologie conta di poter produrre e vendere circa 4500/5000 pezzi già il primo anno. I prezzi, svelati dal direttore commerciale Damian Ariel Scavo, si aggireranno intorno ai 7000 euro per il tre ruote (Quadro 3D 350) e sotto i 9.000 euro per il 4 ruote (Quadro 4D 500).

Non perdetevi le foto inedite ed esclusive dei dettagli che abbiamo (quasi) segretamente scattato alla presentazione. Una sola avvertenza: i modelli visti oggi erano di pre produzione, non ancora definitivi. La presentazione ufficiale sarà effettuata durante il prossimo EICMA a Milano.

Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Presentazione Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500Quadro 3D 350, Quadro 4D 500

Quadro Tecnologie presenta Quadro 3D 350 e Quadro 4D 500 é stato pubblicato su Motoblog.it alle 16:36 di mercoledì 29 settembre 2010.