Renault Zoe 2019: prezzo, autonomia e allestimenti

Nuova Renault Zoe 2019

Nuova Renault ZOE 2019 arriva con tante novità sul fronte autonomia, prezzo e allestimenti. La nuova Zoe è più performante che mai, soprattutto grazie alla maggiore autonomia e potenza. Il lancio della terza generazione del veicolo elettrico di Renault è un passo importante per lo sviluppo delle auto elettriche su vasta scala.

Sette anni dopo la nascita della prima Renault Zoe, che si è attestata come la city car elettrica più venduta in Europa, la nuova generazione cambia volto in termini di versatilità, qualità e tecnologia. Propone prestazioni valorizzanti fin dai primi livelli di allestimento, pur rimanendo accessibile.

Renault Zoe 2019: tutte le informazioni della terza generazione

Il design di Renault Zoe 2019

Renault Zoe inaugura un cofano scolpito, con linee convergenti verso il centro del frontale. Relativamente corto ed interamente ridisegnato, il suo profilo contribuisce alla dinamicità complessiva del veicolo. Strutturato intorno a volumi trattati con precisione, si armonizza perfettamente con il resto delle evoluzioni apportate al blocco anteriore e contribuisce all’affermarsi di un carattere più deciso. Ormai full LED su tutta la gamma, i proiettori anteriori riprendono la firma luminosa a forma di C (C-Shape) caratteristica dei modelli Renault.

La calandra, i proiettori e la griglia si arricchiscono a loro volta di inserti cromati. Tutto il complesso è elegantemente sottolineato dal profilo che ha lo stesso look e riporta il nome Zoe. Nella parte inferiore, i fari fendinebbia a LED contribuiscono al generale miglioramento delle prestazioni luminose. Il paraurti, strutturato con griglie laterali appositamente progettate per migliorare il flusso d’aria sul frontale, conferisce una maggior larghezza percepita complessiva del veicolo. Il blocco anteriore, ben assestato sulle ruote, fa presagire le doti dinamiche di Renault Zoe.

Contraddistinta da un profilo blu, la losanga Renault che orna il centro della calandra cela sempre la presa di ricarica. Il logo adotta un design “olografico”: i tratti precisi di cui è composto conferiscono un’impressione di rilievo alla superficie piatta. Dietro alla losanga si apre lo sportellino di ricarica, dove c’è sempre una presa Tipo 2, ora arricchita dalla presa per la ricarica rapida in corrente continua (DC) fino a 50 kW, che completa la gamma delle possibilità già offerte dalle precedenti generazioni in correte alternata (AC).

 

Renault Zoe 2019: gli interni

Renault ZOE introduce fin dall’entry level un display del conducente da 10”. Su questo display vengono visualizzate le principali funzioni di assistenza alla guida e tutti i parametri specifici della guida elettrica, a cominciare dall’econometro che incentiva l’ecoguida. Nelle versioni dotate di sistema di navigazione, sul display compaiono anche le indicazioni GPS. Il conducente può personalizzare a suo piacimento l’ambiente luminoso e l’organizzazione delle informazioni sullo schermo. La linea di orizzonte e i vari effetti di prospettiva della visualizzazione creano una profondità che aiuta ad immergersi nell’esperienza di guida.

Il display multimediale touchscreen da 9,3” che prolunga la consolle centrale dà accesso a tutte le prestazioni legate alla navigazione e all’infotainment. Controlla i principali settaggi del veicolo: dai vari dispositivi di assistenza alla guida alla personalizzazione delle tinte del display del conducente da 10” presente sul cruscotto. Il sistema connesso Renault EASY LINK si arricchisce di funzioni specifiche per i veicoli elettrici, come la visualizzazione della disponibilità in tempo reale delle colonnine di ricarica. Infine, consente di connettere lo smartphone e gestire le App tramite Apple CarPlay e Android Auto.

Sul livello di equipaggiamento ZEN, Nuova Renault Zoe introduce per la prima volta una nuova selleria con un tessuto al 100% riciclato. Per progettarla, Renault si è basata su un procedimento tradizionale di produzione dei filati cardati che consente di ottenere tessuti di qualità “senza fusione” né trasformazione chimica. Questo filo è ottenuto dagli scarti di produzione delle cinture di sicurezza e dei rifiuti di plastica (PET). Si tratta di una grande innovazione, in quanto l’utilizzo di filati cardati riciclati è qualcosa di inedito nel mondo automotive. L’approvvigionamento e la produzione a ciclo breve, conformi ai principi dell’economia circolare, riducono di oltre il 60% le emissioni di CO2 connesse a queste attività.

 

Il motore da 100 kW di Renault Zoe

Renault propone due livelli di motorizzazione: il motore da 80 kW (R110), introdotto un anno fa sulla generazione precedente, e una nuova variante da 100 kW (R135), inaugurata con Nuova Renault Zoe. L’ingegneria ha approfittato dell’introduzione di una batteria con maggiore capacità su Nuova ZOE (Z.E. 50) per trarre il massimo dal motore al 100 % Renault. L’R135 introduce maggior potenza, più coppia e migliori salite in regime. Nuova Renault ZOE può, così, contare su migliori performance che accentuano la sua versatilità e piacere di guida, soprattutto nei sorpassi e sulle strade a percorrenza veloce. Dotata di motore R135, vanta una coppia di 245 Nm che le consente di passare da 80 a 120 km/h in soli 7,1 secondi, ossia 2,2 secondi in meno rispetto al motore R110. Ora è in grado di passare da 0 a 100 km/h in meno di 10 secondi. Inoltre, la velocità massima di Nuova ZOE sale a 140 Km/h.

Nuova ZOE, inaugura una nuova modalità di guida in cui il conducente non ha quasi più bisogno di utilizzare il pedale del freno. Quando il B-mode è attivato, il veicolo rallenta in modo molto più accentuato non appena il conducente toglie il piede dall’acceleratore. La modalità B facilita la guida, soprattutto in città o in caso di rallentamenti. Da un punto di vista tecnico, la sua introduzione va di pari passo con il nuovo sistema frenante, che migliora anche le sensazioni percepite a livello di pedale del freno. La modalità D, invece, rimane particolarmente adatta per i momenti in cui il conducente vuole approfittare dell’inerzia del veicolo, ad esempio sulle strade a percorrenza veloce. Il conducente può agevolmente passare da una modalità all’altra grazie all’e-shifter.

 

Il piacere di guida su Renault Zoe 2019

Renault Zoe aggiunge ai vantaggi intrinseci della guida elettrica una motorizzazione più potente, degna di una stradista, ma anche una nuova modalità di guida particolarmente adatta alla città e tanti dispositivi di assistenza alla guida per il comfort e la sicurezza.

Con l’introduzione di una motorizzazione da 100 kW (R135, equivalente a 135 CV di un motore termico), si ha una migliore coppia che permette accelerazioni e riprese ancora più decise. Anche il piacere di guida e il comfort vengono migliorati, soprattutto sulle strade a percorrenza veloce.

Nel complesso, Nuova ZOE è il risultato del lavoro di ottimizzazione effettuato dall’ingegneria Renault sui principali aspetti tecnici di funzionamento dell’auto elettrica. Questa generazione è stata progettata su una piattaforma ampiamente ridisegnata per essere al top della performance elettrica, pur rimanendo accessibile. Permette di integrare novità in termini di telaio, gruppo motopropulsore, batteria, sistema frenante, etc. L’architettura elettrica, per esempio, è stata completamente rivista per integrare un’ampia gamma di dispositivi di assistenza alla guida. Quanto ai gruppi ottici, diventano full LED per una luminosità migliorata del 75% rispetto ai proiettori alogeni, a parità di consumo energetico.

 

Renault Zoe 2019: autonomia e sistemi di ricarica

L’autonomia di Renault Zoe 2019

In occasione del suo lancio, a fine 2012, con una batteria da 22 kWh, la prima ZOE offre circa 150 chilometri di autonomia reale, un raggio d’azione che già supera ampiamente la distanza quotidiana percorsa in media dagli automobilisti europei. Nel 2016, Renault lancia la seconda generazione di ZOE: ciò segna l’avvento della batteria Z.E. 40, che con 41 kWh raddoppia l’autonomia del veicolo per raggiungere i 300 chilometri di autonomia reale. In quel momento, il lavoro si era concentrato sulla chimica ioni di litio per migliorare la densità della batteria.

Per Nuova Renault ZOE, l’ingegneria si è concentrata sull’architettura della batteria e i vari aspetti della sua progettazione. E lo ha fatto con successo, poiché questi sforzi hanno permesso di raggiungere una capacità di 52 kWh mantenendo invariato il volume. Tutto ciò si traduce in un’autonomia in crescita del 20%, per un totale di 390 km WLTP.

Le modalità di ricarica

Su Nuova ZOE la presa di ricarica è nascosta dietro alla grande losanga che orna la calandra. Nello sportellino di ricarica c’è una presa Combo (CCS), leggermente più voluminosa, che è composta da una presa conforme allo standard europeo, associata a una presa a 2 poli per la ricarica in corrente continua. La posizione centrale della presa facilita la connessione, soprattutto nelle stazioni di ricarica pubblica che sono dotate di un proprio cavo.

Il cavo di ricarica Tipo 2 in dotazione con l’auto e il caricatore Caméléon rispondono alle esigenze di utilizzo quotidiano. Permettono una ricarica fino a 22 kW con una Wall-Box o con una colonnina a domicilio, al lavoro, nel parcheggio dei centri commerciali e per strada. Grazie alla presa Combo, Nuova ZOE accede anche alla ricarica rapida in corrente continua (DC) fino a 50 kW. Per usufruirne, basta inserire il cavo di ricarica attaccato alla colonnina sulla presa a 2 poli al di sotto della presa Tipo 2.

Dove ricaricare nuova Renault Zoe 2019

Ricarica a domicilio

Che si tratti di casa unifamiliare, condominio o appartamento, per ricaricare da 0 al 100% Nuova ZOE ci vogliono 9 ore e 25 minuti, grazie alla Wall-Box da 7 kW. Una notte, quindi, basta ampiamente per garantire una ricarica completa. L’utente che ricarica il veicolo a domicilio usufruisce anche della possibilità di programmazione, per adeguare la ricarica alle eventuali variazioni tariffarie praticate dal fornitore di energia elettrica.

Ricarica in città

Nei centri città crescono progressivamente le possibilità di ricaricarsi, direttamente per strada o nei parcheggi, spesso dotati di un’area gratuita. Perché non programmare un bel pranzo al ristorante o una pausa shopping mentre si ricarica la batteria di ZOE?

Ricarica al supermercato

Installare colonnine di ricarica è diventato un vero e proprio vantaggio competitivo per i supermercati e i centri commerciali. Sono sempre più numerosi quelli che installano stazioni di ricarica accelerata, spesso gratuite, pensate per offrire ai clienti un recupero significativo di autonomia nel tempo medio necessario per fare la spesa.

Ricarica in autostrada

Grazie alla grande potenza di ricarica resa possibile dal nuovo caricatore DC, ricaricare Nuova ZOE rientra nella logica del viaggio. Che si vada in vacanza o si facciano viaggi di lavoro su lunghe distanze, i percorsi stradali sono sempre intervallati da pause che permettono di riposarsi e ristorarsi. In autostrada, la nuova ricarica rapida di Nuova ZOE approfitta di queste soste per recuperare, in poche decine di minuti, un’autonomia sufficiente per raggiungere la tappa successiva.

 

Renault e l’elettrico

Pioniere e leader dei veicoli elettrici in Europa, il Gruppo propone la gamma più completa del mercato con ZOE, Twizy, Kangoo Z.E. e Master Z.E., ma anche la berlina RSM SM3 Z.E., venduta in Corea, e il nuovo Renault City K-ZE destinato al mercato cinese.

Nel 2022, la gamma del Gruppo Renault comprenderà 8 veicoli elettrici e 12 modelli elettrificati. I veicoli 100 % elettrici copriranno i principali segmenti dell’offerta e rappresenteranno il 20% della gamma.

 

SEGUICI SU:
Facebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

Iscriviti a DAZN: il primo mese è gratis!

L’articolo Renault Zoe 2019: prezzo, autonomia e allestimenti proviene da Quotidiano Motori.