Multa per divieto di sosta, in emergenza: svizzeri contro austriaci.

divieto di sosta

Multa per divieto di sosta: avete letto la notizia di ieri per la quale le auto svizzere sono le più multate a Milano? Questa volta il divieto di sosta era in Austria, e per una volta gli italiani non c’entrano. La querelle di questi giorni vede infatti da una parte gli svizzeri, dall’altra gli austriaci.


Tutto nasce da una sosta di emergenza causa nausea, effettuata da una donna svizzera insieme alla figlia di 3 anni a Dornbirn, una città austriaca di quasi 50.000 abitanti. Come riporta la testata Ticino Online, madre e figlia in viaggio si erano fermate nel primo posteggio disponibile, ed insieme a loro si era fermata anche un’amica che le seguiva su un’altra vettura. Dopo qualche minuto è comparsa sulla scena una signora che si è messa a scattare alcune fotografie, per poi allontanarsi.

Dopo qualche tempo le stesse immagini sono state recapitate insieme alla lettera di un avvocato austriaco, il quale intimava ad entrambe di pagare 200 euro per parcheggio abusivo. La spiegazione della sosta per emergenza non ha impietosito gli austriaci fermi nelle loro posizioni, con la stessa inflessibilità e precisione utilizzata dai civilissimi svizzeri. Risultato? Multa per divieto di sosta pagata ma, questo è il bello, è stata rimborsata dall’assicurazione.

La vicenda presenti alcuni punti poco chiari, come il rimborso assicurativo o la richiesta del pagamento di un parcheggio da parte di un avvocato anziché da una autorità di polizia o giudiziaria. Da quello che possiamo intuire, è possibile quanto messo in atto dal Comune di Milano poteva essere risolto con una semplice lettera di un avvocato…

L’articolo Multa per divieto di sosta, in emergenza: svizzeri contro austriaci. proviene da Quotidiano Motori.