Mal d’auto o chinetosi: sintomi e rimedi

Le auto a guida autonoma sono classificate in 6 livelli ma c’è un trucco: i livelli vanno dall’1 al 5, più il livello 0. E’ per questo motivo che sono 6 e non 5. Facile vero? Vediamo allora a cosa servono e come sono classificati i livelli di guida autonoma.


Dato che la realtà dei sistemi tecnologici è decisamente articolata, è necessario evitare ogni tipo di confusione. Quando parliamo di guida autonoma indichiamo l’auto che si guida da sola, quella cioè che è in grado di rilevare l’ambiente circostante per poter agire di conseguenza ed arrivare comunque a destinazione. Se ci pensate, sarà una rivoluzione in grado di cambiare per sempre i nostri stili di vita.

Perché la guida autonoma è classificata in livelli

Quando si parla di livelli guida autonoma SAE, si intendono i livelli fissati dalla Society of Automotive Engineers, che ha catalogato sei classi di funzionalità con i quali possiamo distinguere le operazioni automatizzate che un veicolo è in grado di compiere fino ad arrivare alle auto senza conducente. I livelli delle auto a guida autonoma rientrano all’interno di quadro normativo che impone il rilascio di una serie di autorizzazioni specifiche per i test delle vetture a guida autonoma sulle strade pubbliche. I temi relativi alla responsabilità in caso di incidente, alla relativa copertura assicurativa nonchè a tutti i possibili problemi morali che ne derivano sono aspetti che vengono dibattuti ma che ancora non sono entrati o normati nelle leggi attualmente in vigore.

Nel video qui sopra, in inglese, in dettaglio cosa sono e come funzionano i livelli di guida autonoma. Ma niente paura, perchè trovate anche la spiegazione qui sotto in italiano. Attenzione, alcuni di questi livelli sono già su strada, perchè iniziano ad esserci anche in Italia auto a guida autonoma in commercio presso i concessionari. Parliamo quindi di guida autonoma Tesla, Mercedes, Audi e Bmw.

Guida Autonoma Livello 0

E’ il livello base e identifica praticamente quelle che possono essere classificate oggi come automobili “storiche”, ovvero le automobili la cui guida è totalmente affidata al conducente. A livello zero non c’è alcun intervento elettronico da parte della vettura.

Guida Autonoma Livello 1

Al Livello 1 rientrano tutti quelle automobili sulle quali sono state installi sistemi dedicati alla guida assistita di base. Parliamo quindi dell’ABS, obbligatorio in UE dal 2016 su tutti i veicoli, che in fase di frenata evita il blocco delle ruote, ma anche il Cruise Control che regola in maniera automatica la velocità oppure del Park Assist e di tutte quelle tecnologie in grado di rilevare la corsia.

Guida Autonoma Livello 2

Le auto a guida autonoma di secondo livello racchiude le vetture con parziale automazione. Si tratta delle automobili in grado di intervenire generalmente in frenata e in accelerazione nel caso in cui venga rilevato un pericolo.

E’ proprio il caso della frenata automatica di emergenza: la collisione viene evitata grazie ai segnali ricevuti dai radar, la vettura rimane all’interno della corsia grazie al rilevamento dei limiti della carreggiata, con il sistema che gestisce anche il rallentamento e la successiva accelerazione mantenendo la velocità in base alla densità di traffico riscontrata.

Guida Autonoma Livello 3

E’ il primo livello della vera automazione, ovvero l’automazione condizionale. Le auto a guida autonoma livello 3  sono in grado di sostituire completamente il guidatore per eseguire una serie di manovre. Il guidatore dovrà rimanere attento e pronto a subentrare in qualsiasi momento in caso di pericolo.

A livello 3 abbiamo di sistemi che possono prendere il controllo della vettura solo in determinate situazioni come in autostrada o mentre si cerca un parcheggio, ma non sono ancora pronte a destreggiarsi nel traffico delle grandi città.

Guida Autonoma Livello 4

Possiamo definire la guida autonoma livello 4 quando siamo di fronte ad un alto livello di automazione. In città o in autostrada l’auto a guida autonoma è in grado di capire e monitorare l’ambiente esterno. Il cuore del sistema è un numero elevato di serie di sensori tra i quali telecamere, sistemi Lidar e computer di bordo in grado di processare un grande numero di dati per ricavare le istruzioni di guida.

Il guidatore può riprendere il controllo dei veicoli guida autonoma in qualsiasi momento anche il computer di bordo continuerà a tenere sotto controllo la situazione regolando frenate, accelerazioni e direzioni anche quando il guidatore non risponde in maniera appropriata ad una richiesta di intervento.

Guida Autonoma Livello 5

Possiamo parlare di guida autonoma livello 5 quando l’idea che abbiamo oggi di automobile cambierà per sempre. La piena automazione trasformerà la “vecchia” automobile in qualcosa di completamente diverso.

Questa auto a guida autonoma sarò in grado di scegliere in maniera autonoma il percorso, regolandone velocità, frenata e direzione in qualsiasi scenario, elaborando situazioni complicate e complesse senza richiedere mai l’intervento di un essere umano.

 

—–

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguiteci su Facebook, Twitter, Instagram e Flipboard. Non esitate ad inviarci le vostre opinioni e le vostre segnalazioni commentando i nostri post.

 

 

 

 

L’articolo Guida autonoma: perchè i livelli sono 6 e non 5? proviene da Quotidiano Motori.