BMW e Mercedes fermano la collaborazione sulla guida autonoma

goodbye friends

Bmw e Mercedes fermano la collaborazione sulla guida autonoma per concentrarsi sui propri percorsi di sviluppo. Ma mai dire mai, perchè a quanto pare la collaborazione potrà essere ripresa in un secondo momento dato che l’approccio nel campo della guida automatizzata rimane altamente compatibile.


Bmw e Mercedes lavorano separatamente sulla guida autonoma ed ammettono allo stesso tempo di non essere state in grado di avere discussioni approfondite e decidere una tabella di marcia prima della firma del contratto di collaborazione avvenuto dello scorso anno. In questi colloqui entrambe le parti hanno concluso che, alla luce delle spese connesse alla creazione di una piattaforma tecnologica condivisa, nonché delle attuali condizioni economiche e commerciali, i tempi non sono giusti per la corretta attuazione della cooperazione.

Da parte di Bmw c’è stato lo sviluppo della tecnologia e della piattaforma scalabile con partner come Intel, Mobileye, FCA e Ansys. Per Mercedes la digitalizzazione rimane un pilastro strategico centrale con possibilità di trovare partner al di fuori del settore automobilistico.

Se il progetto di guida autonoma condivisa si ferma, le due case automobilistiche hanno però tenuto a sottolineare che continueranno a lavorare in stretta collaborazione nei restanti settori. Nel 2015 Bmw e Mercedes insieme ad Audi hanno acquisito Here, che oggi vanta perciò una struttura azionaria ampia e internazionale. All’inizio del 2019, Bmw e Mercedes hanno anche unito i propri servizi di mobilità in una joint venture sotto l’egida della famiglia NOW.

 

—–

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguiteci su Facebook, Twitter, Instagram e Flipboard. Non esitate ad inviarci le vostre opinioni e le vostre segnalazioni commentando i nostri post.

 

L’articolo BMW e Mercedes fermano la collaborazione sulla guida autonoma proviene da Quotidiano Motori.